venerdì 25 ottobre 2013

Pane di polenta

Circa una settimana fa, spulciando le News dei blog che seguo, mi sono imbattuta in uno dei post di Sandra.

Curiosa, cliccai sull'anteprima e mi trovai ad ammirare il suo pane di polenta!
Dopo aver letto la ricetta, carica del suo entusiasmo, decisi di cimentarmi in questa impresa, anche se con qualche dubbio...

Non sono molto brava nell'arte del panificare.
I pochi tentativi fatti non sono riusciti troppo bene.
Qui un chiaro esempio! 

Però, l'idea di fare una bella pagnottella con le mie mani mi allettava parecchio, perciò
che pane di polenta sia!

Ingredienti:
- 300 gr farina 0
- 150 gr farina di polenta
- 50 gr lievito madre
- 180 gr di acqua calda
- 2 cucchiaini di olio evo
- 8 gr sale
- farina di semola per spolverare .

Versate l'acqua calda in una ciotola, versatevi la farina di polenta e girate finché non si sarà completamente sciolta.


A questo punto, aggiungete il lievito sbriciolato e girate fino a quando anch'esso si sarà sciolto.


Versate l'olio e continuate a mescolare.


Aggiungete la farina 0, il sale e amalgamate bene tutti gli ingredienti.
Fate una palla, copritela con un canovaccio, e lasciatela riposare per dieci minuti.



Riprendete la ciotola.
Prendete un po' di impasto dal bordo, portatelo verso il centro e premete.
Ripetete questa operazione fino a fare tutto il giro della ciotola.


Coprite di nuovo e lasciare riposare per altri dieci minuti.
Ripetere l'operazione di piegatura per tre volte.
Dopo la terza, coprite e lasciate riposare per un'ora.


Spolverizzate il piano di lavoro con la farina di semola, rovesciatevi sopra l'impasto e dategli una forma rotonda.


Spolverate di semola un sacchetto, inseritevi dentro la palla che avrete ottenuto, chiudete e lasciate che il pane completi la sua lievitazione.


Mezz'ora prima di cuocere accendete il forno alla massima temperatura.
Rovesciate il pane su della carta forno, praticatevi dei taglietti sulla superficie e infornate a 200° per 30 minuti, avendo cura di inserire nel forno anche un contenitore con circa mezzo bicchiere di acqua.
Permetterà al pane di gonfiarsi senza fare subito la crosta.


Controllate la cottura dando un colpetto sul fondo: se suona vuoto è pronto!



Fate raffreddare su una griglia... e buon appetito! :)


Con questa ricetta partecipo a Ruba la ricetta #2 di Clara.

Diario di una Creamamma


Ok ok, non mi va di raccontare balle, vi dirò come stanno le cose!


Ho provato la ricetta di Sandra... ma il mio pane di polenta non è nemmeno parente di quello che ha fatto lei!

Il mio era giallissimo, a dispetto della bella crosta ambrata del suo.
Il mio era un mappazzone, mentre il suo sembrava soffice come una nuvola.
Aggiungo che il mio era anche duro come il legno, pesante come un macigno... e cattivo!
Un saporaccio misto fra il lievito crudo e il puzzo di piedi!
Terribile!!!

Forse alcuni punti hanno giocato a mio sfavore:
2 cucchiai da minestra di olio, anziché 2 cucchiaini
lievito acquistato, anziché quello madre
troppa lievitazione.

E vabbè gente, c'ho provato!  ;)




24 commenti:

  1. che peccato, sembrava così buono :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amorosa, vale il detto 'Non sempre è oro quel che luccica!'...mai verità più...vera :-)

      Elimina
  2. L'importante è provarci, solo dagli errori si impara, non sono luoghi comuni, soprattutto col lievito madre, sapessi quanti tentativi di panettone ho buttato ... e ancora ci provo ...
    Sfido poi a far lievitare con semplice pasta di riporto e non con lievito madre ben rinfrescato la farina da polenta, un'impresa impossibile !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono rincuorata :-) CI RIPROVERò!!!!

      Elimina
  3. Non sembra così come lo descrivi. Ho la sensazione che sia come i pani contadini di un tempo: consistenti. Per me buonissimi. Ci devo provare e spero che venga come il tuo! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jo! Se ti serve una ruota di scorta, questo pane è PERFETTO!!!

      Elimina
  4. Kety, innanzi tutto grazie per aver provato la ricetta, sei stata davvero carina :)e poi..dai , non è così come lo descrivi!! ..o almeno , a me non sembra :) Il pane ha delle bellissime "crepe", non sembra troppo lievitato, mi dispiace per il sapore, quello si, accipicchia!
    Però..come sei stata brava a mettere il passo passo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahhhahhahhahahhahahhahahhahah :-) Sandra grazie! Bravissima e gentilissima a trovare the bright side..anche quando non c'è proprio :-) Un bacio!

      Elimina
  5. mi spiace..le foto sono bellissime e molto invitanti!baci simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie piccola, almeno quelle son venute bene .-)

      Elimina
  6. è ammirevole che almeno tu ci abbia provato, da questo errore imparerai e la prossima volta ti verrà meglio!
    un abbraccio Linda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Linda, se dagli errori si impara... la prossima pagnotta sarà un capolavoro! :D

      Elimina
  7. Ti capisco, sai quante volte ho buttato le schifezze che provavo???
    adesso però ho acquisito un pò di esperienza e molte ricette evito proprio di prepararle...
    Ps: per diventare Alfa tester bisogna collegarsi al loro sito lì c'è scritto tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, Katia, ci sono speranze anche per me... che anche io impari a NON FARE le ricette che so per certo non mi verranno bene! :D

      Elimina
  8. Ma a me ispira sai...penso che rischierò ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristi, a tuo rischio e pericolo: pesava un quintale!!! :D

      Elimina
  9. Eppure a vederlo sembra parecchio buono....

    Lodevole che c''hai provato... i miei unici tentativi di pane son quelli con la macchina del pane.. e pensa..io riesco a fare cattivo pure quello!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no Silvia, non puoi rovinare il pane fatto con la macchina del pane: non si può!!! :D
      Comunque, se proprio ti ispira, posso sempre fartene uno uguale! :D

      Elimina
  10. non avevo mai notato che mi avessi messo fra i blog che segui! Grazie mille!!! :) Allora, lo dico anche a te... leggi il post sul compleanno del blog!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh eh Veronica, ti seguo, eccome se ti seguo! :D
      Il post del tuo blog compleanno l'avevo già visto, ma mi ero ripromessa di tornarci su... e lo farò! :)

      Elimina
  11. Ma Kety, ma cosa fai? Prima mi fai sognare con il racconto di questo pane così invitante e poi fai queste rivelazioni catastrofiche? Non ci credo dai, lo fai per falsa modestia! L'aspetto ce l'ha ed il fatto che sia bello giallo gioca pure a suo favore! Io credo che sia buonissimo e ti ringrazio per averlo inserito nella nostra raccolta! Vado subito a pinnare si Pinterest!
    Un bacione e non ti buttare giù così! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Falsa modestia?!
      Clara, se te ne avessi offerto un pezzettino... me lo avresti sputato in faccia!
      Era tremendo...
      A te sembra bello e buono?
      Mmm, mi sa che in questo caso l'abito faccia davvero il monaco... :D

      Elimina
  12. ciao, però è davvero strano...è VERAMENTE bello ed invitante...e comunque mi avete incuriosita...ho pinnato e chissà che prima o poi non provi a farlo anche io! vi racconterò.
    E comunque sei troppo onesta...se non avessi svelato del gustaccio (che poi non ci credo fosse davvero così cattivo!!), dalle foto avresti fatto veramente un figurone!
    piacere di conoscerti
    www.giokaconleo.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere mio Kate, e grazie per la fiducia... nel mio pane di polenta! ;)
      provalo, poi mi racconti... :)

      Elimina

Link Within

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...