lunedì 7 ottobre 2013

Coniglio ripieno

Premetto che il coniglio non rientra tra le mie grazie...
Retaggio dell'infanzia...

Mia nonna quando sistemava il coniglio era solita mettere gli occhi della povera bestiola sul tavolo, in un piattino, dicendoci che essi "ci avrebbero tenuti d'occhio"... appunto!

Tempo fa però ho visto chef Montersino disossare e farcire un coniglio, dando vita ad un piatto perfetto!
Perché non cimentarmi anch'io?

Il coniglio l'ho preso già disossato, ma nonostante ciò non mi sono risparmiata i conati di vomito mentre lo farcivo!

Ingredienti:
- 1 coniglio perfettamente disossato
- prosciutto crudo affettato fine
- olive denocciolate
- pomodorini confit
- 2 salsicce
- salvia
- rosmarino
- aglio
- sale e pepe
- olio .

Allora, i confit devono essere freddi, perciò potete farli il giorno prima:
piccoli Pachino tagliati a metà, salepepe, zucchero, olio abbondante e forno a 220° finché non appassiscono.


Lavate ed asciugate il coniglio, adagiatelo su un foglio di pellicola, distendetelo, prelevate dei pezzi di ciccia da dove ce n'è di più per sopperire laddove ve ne sia di meno, in modo che il ripieno non fuoriesca durante la cottura.

Questa parte mi ha messo a dura prova...


Coprite il coniglio con altra pellicola e battetelo con il batticarne.


Togliete la pellicola e preparate la farcia:
mixate due salsicce spellate con salvia, rosmarino e aglio,
tagliate grossolanamente le olive, scolate i confit.



Salate leggermente il coniglio prima di foderarlo di crudo.
Distendetevi sopra il misto di salsiccia e spezie, disponete le olive e i confit al centro della carne...



e chiudete in un solo giro, aiutandovi con la pellicola.


Sostituite la pellicola con carta da forno, legate senza rompere la carta e senza stringere a morte, altrimenti la farcia fuoriuscirà e dovrete ripartire da capo.


Avvolgete il 'salamone' in più fogli di alluminio e mettetelo a bollire per circa mezz'ora.

A bollitura ultimata il nostro coniglio avrà un aspetto decisamente anemico... quindi gli daremo un tocco di salute rosolandolo in un filo di olio.


Guardate che bello!


Servito con il suo fondo di cottura composto da confit, olive e cipolla bianca.


Bravo Montersino!
E brava la Kety!

Alla prossima sfida!  :)


6 commenti:

  1. Il coniglio ripieno è una vera leccornia!
    A casa mia lo mangiamo volentieri con vari ripieni e lo disosso sempre io. Non è difficile, basta un po' di pazienza e di manualità.
    Complimenti, devo dire che ti è venuto proprio bene, l'avrei assaggiato molto volentieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai tutta la mia ammirazione Any, io non ho lo stomaco altrettanto forte... ;D
      Se il coniglio è uno dei tuoi piatti preferiti, dovresti proprio provare questa ricetta: ti leccherai i baffi! :D

      Elimina
  2. che buono il coniglio, dovrò provare questo ripieno, io di solito lo faccio diversamente....
    proverò....
    Colgo l'occasione per invitarti ad un nuovo evento nel mio blog
    ecco il link http://cucinareinsiemeate2.blogspot.it/2013/10/nuovo-evento-vi-presento-la-mia-cucina.html
    Se ti va partecipa anche te basta seguire le semplici regole...
    Mi aggiungo ai tuoi lettori così non mi perdo le altre ricette.
    Ciao a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Katia, e grazie per avermi segnalato il tuo evento.
      Vengo subito a dare un'occhiata! :D

      Elimina
  3. ok io con il coniglio ho avuto traumi simili ai tuoi... per certi versi anche più inquietanti e non riesco proprio a toccare un coniglio morto... però i miei amici sono dei patiti quindi possono farla loro!
    gliela suggerisco!!
    Cmq bravissima, ammiro il tuo coraggio nel prepararlo nonostante il trauma subito! *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rumi, tu sai di cosa parlo... ;D

      Elimina

Link Within

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...